Il post-Covid e l’improvvisa accelerazione della rivoluzione digitale

L’Italian Federation of Cardiology, secondo la sua mission, continua a promuovere un’interazione sempre maggiore con la Società Europea di Cardiologia. Quest’anno, in linea con il tema conduttore del congresso, quello della Cardiologia digitale che ha conosciuto un’improvvisa accelerazione durante la pandemia, abbiamo deciso di articolare il Simposio ANMCO-IFC-ESC in tre sessioni di 45 minuti, pre-registrate e tradotte in simultanea, che ci metteranno direttamente a confronto con le maggiori esperienze europee di e-health in ambito cardiologico.

La prima sessione sarà aperta dal presidente ESC Stephan Achenbach, di Erlangen, che illustrerà le strategie ESC sulla rivoluzione digitale, che, vale la pena ricordarlo, va dalla televisita e il teleconsulto, al monitoraggio da remoto attraverso device impiantabili o “portabili” (wereables), dallo sviluppo dei big-data e dei nuovi filoni di ricerca generati dalla scoperta di correlazioni, spesso impreviste, emerse dalle analisi di questi enormi database, fino alle esperienze di machine learning che sono alla base dell’intelligenza artificiale. Il cuore della prima sessione sarà il video coordinato dal Chairman dell’ESC e-Health Committee Martin Cowie, del Royal Brompton Hospital di Londra, su “Remote monitoring and consultation” in cui saranno presentate le maggiori esperienze europee sull’argomento.

La seconda sessione sarà aperta da Enrico Caiani del Politecnico di Milano, membro dell’ESC E-Health Committee, che introdurrà il tema dei wereables nella prevenzione cardiovascolare, che sarà anche il tema del video, dedicato a “Devices and mobile application”, coordinato da Emma Svennberg del Karolinska di Stoccolma e da Joost Lumens di Maastricht, che illustrerà le esperienze più significative su un tema strategico per l’evoluzione della digital health, recentemente sistematizzato nel Position Paper dell’ESC working group sull’e-cardiology (Jensen MT et al. Eur Heart J Dig Health 2021; 2: 49-59).

Infine nella terza sessione, aperta da un intervento di Martin Cowie sulle novità dell’ESC Digital Summit del prossimo ottobre, il video sarà dedicato all’ “Artificial Intelligence” a cura di Nicolas Duchateau di Lione e di Benjamin Meder di Heidelberg.

Le implicazioni che le esperienze europee potrebbero avere nel contesto italiano saranno oggetto degli interventi, al termine delle tre sessioni, del presidente ANMCO Furio Colivicchi, del past-president e presidente del congresso Domenico Gabrielli e del presidente eletto Fabrizio Oliva, moderati dal presidente IFC Stefano Urbinati e dal vice presidente ESC Silvia Priori.

L’altro appuntamento promosso con la collaborazione dell’IFC è la “ESC Young Convention”, curata da Stefania Di Fusco del S. Filippo Neri di Roma, Chairperson dell’Area Giovani ANMCO, in cui giovani cardiologi italiani ed europei commenteranno le Linee Guida ESC 2020 integrandole con casi clinici.

Infine le nuove Linee Guida ESC 2021, che verranno presentate al Congresso ESC contemporaneamente al Congresso ANMCO, saranno commentate in un simposio IFC-ESC che verrà registrato l’1 settembre e potrà essere consultato sui siti web IFC, ANMCO e SIC. Durante il Simposio, moderato da Domenico Gabrielli, Ciro Indolfi e Stefano Urbinati, Furio Colivicchi commenterà a caldo le Linee Guida sul pacing, Gianfranco Sinagra quelle sullo scompenso cardiaco, Fabrizio Oliva quelle sulle valvulopatie e Pasquale Perrone Filardi quelle sulla prevenzione cardiovascolare.

Stefano Urbinati ANMCO

Stefano Urbinati